24 ottobre 2008

L'India che non è sui depliant


India, Varanasi, Main Ghat, agosto 2008

Ho portato dall'India tanti colori, atmosfere, immagini da mille e una notte. Ma l'India è anche questo, soprattutto questo, e mi pare giusto raccontarlo, piuttosto che far finta di non vedere.
Il boom economico, Bollywood e Bangalore non hanno cancellato queste immagini, ma hanno forse ancora di più scavato il solco fra ricchi e poveri. E così, lungo le strade, vedere certe persone in situazioni di povertà estrema o di difficoltà assoluta è frequentissimo. Ovviamente, il fatto di essere stranieri e occidentali aumenta certi contatti, perché loro ben sanno che noi non abbiamo il metro dei costi della loro vita e diamo in proporzione alle nostre abitudini. E tutto sommato, va bene così.

5 commenti:

stefano ha detto...

ciao, stupendo questo blog... mi ci sto perdendo e quando avrò più tempo lo spulcerò per bene.

Intanto ti linko all'istante dal mio blogghino :)

un saluto,
Stefano

Cipolla ha detto...

Da me c'è un premietto da ritirare!.

Baci
:o)

ROSMARINA ha detto...

ho 66 anni, sono in pensione,ho viaggiato soprattutto in occidente per lavoro, sogno il rajastan, so che ci sono delle agenzielocali che ti fanno girare anche singolarmente in macchina. C'è un grande però, sono handicappata, ho la fibromialgia da vari anni una malattia cronica invalidante che prende la muscolatura. Più la malattia avanza e più divento curiosa. che consigli mi puoi dare?

ROSMARINA ha detto...

questo campo obbligatorio è un vero tormento a me sembra di digitare bene

Luisa ha detto...

Mamma che domanda difficile che mi fai Rosmarina! Sì, ci sono molte agenzie locali che noleggiano una macchina per tot giorni con l'autista che può portarti dove vuoi. Puoi prenotare una macchina per te sola o per più persone senza nessun problema. L'offerta maggiore la trovi a Delhi, dove del resto di solito si fa scalo per visitare il Rajasthan. Lì è lo stesso albergo che può noleggiarti macchina e autista. Oppure puoi consultare la Lonely Planet per individuare le agenzie migliori. Sappi però che le difficoltà non sono poche. Le strade sono semi distrutte, le auto hanno visto tempi migliori e spesso anche solo per fare venti chilometri ci vuole più di un'ora. Ma l'India è questo. So poco della tua malattia, quasi nulla. Ma in ogni caso, non contare su nessun aiuto medico in India. Cerca di avere con te tutto ciò che può servirti. Lascia che ti dica che sono commossa dal tuo post e che trovo splendido questo tuo desiderio. Un grande abbraccio.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails